Credenti e/o (non) praticanti – di G. Lorizio

In cosa crede l’uomo postmoderno o neomoderno, che più che incredulo sembra «diversamente credente»? In che senso la fede che salva chiede non solo di essere accolta nella mente, ma anche praticata? Quali stimoli per la «nuova evangelizzazione» possiamo trarre dall’esperienza della pandemia, che ci ha resi «diversamente praticanti»?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...