Foundation

articolo di Marco Staffolani su SettimanaNews.it

Lasciandoci inspirare dalle parole della liturgia del mercoledi delle Ceneri: “Convertitevi e credete al Vangelo” ci lasciamo trasportare dalla visione dell’8 episodio della serie Foundation, in onda su Apple TV+ tra settembre e novembre 2021, per ritrovare il tema della conversione applicato non a soggetti umani, ma al robot e al clone.

Iniziamo mostrando i personaggi implicati

La Dinastia Genetica è la famiglia regnante dell’Impero Galattico, creata da cloni di Cleon I al fine di prevenire problemi di successione, stabilendo così una “permanenza imperitura” nel tentativo di mantenere lo status quo. [1] Tre cloni istanziati in età diverse comprendono la dinastia in ogni momento, Fratello Alba, un clone prepuberale il cui ruolo è quello di guardare e imparare le vie dell’imperatore in preparazione per l’ascensione, Fratello Giorno, un clone di mezza età, che funziona come primo tra pari e fa la maggior parte del governo, e Fratello Tramonto, un Cleon anziano il cui ruolo è quello di consigliare Fratello Giorno e fare da mentore di Fratello Alba. [2] Al raggiungimento di un’età non specificata, ogni clone ascende alla posizione successiva, con il più anziano che ascende a Fratello Oscuro attraverso l’eutanasia.

Uno dei protocolli standard che controllano la dinastia genetica è che il principale Cleon, Fratello Giorno, non deve mai lasciare Trantor. Le questioni di stato fuori dal mondo sono solitamente gestite da Fratello Tramonto. In qualsiasi momento, cloni identici di ogni membro della Dinastia Genetica attiva sono tenuti nel Palazzo Imperiale, costantemente aggiornati sulla vita delle loro controparti attive nel caso in cui gli Imperatori siano uccisi o feriti in servizio. In tal caso, il clone viene risvegliato ed è pronto ad assumere il ruolo il prima possibile.

Fratello Giorno è uno dei tre clone-imperatori regnanti dell’Impero Galattico insieme al suo immediato predecessore, Fratello Tramonto, e Fratello Alba, il suo successore in attesa. Come parte del sistema della Dinastia Genetica progettato da Cleon I, Fratello Alba ascende al trono di mezzo, diventando Giorno l’Imperatore regnante con il suo anziano per consigliarlo e il più giovane per addestrarlo. Quando Tramonto diventa troppo vecchio, diventa Fratello Oscuro e viene eutanizzato. Fratello Giorno, ormai anziano, diventa il nuovo Tramonto mentre Alba sale al trono di mezzo come nuovo Fratello Giorno. Un neonato Fratello Alba viene risvegliato e consegnato a Giorno perché lo cresca come suo figlio.

Come Fratello Giorno, Cleon XIII ha supervisionato un Impero assediato dai disordini: disaccordi religiosi derivanti dal Luminismo, insurrezioni interne su Trantor e i pianeti dell’Anello Esterno che sfidano l’Impero. Giorno crede fermamente che la colpa di tutto ciò fosse da attribuire alle azioni impulsive del suo predecessore, Cleon XII, che aveva permesso a Hari Seldon di andare in esilio (sul pianeta Terminus) e aveva ordinato il bombardamento dei pianeti Anacreon e Thespis. Nel tentativo di stabilizzare l’Impero, Giorno decise di recarsi al funerale di Proxima Opal per installare un successore favorito come suo sostituto, rompendo il protocollo

Zephyr Halima è viene da Mirrus Twelve ed è una Zephyr prossima a conquistare il titolo di Proxima.
Originaria di Mirrus Twelve, Halima è nata nella fede e crede nel Luminismo. Dopo che i terremoti hanno colpito il suo mondo, ha guidato gli sforzi di recupero ed ne è diventata la salvatrice. È stata Zephyr per meno di un anno e si è fatta strada tra la gente, ed è un’avversaria di Zephyr Gilat al titolo di Proxima.[2] Vuole un ritorno all’Octavo Primario, una scrittura pre-imperiale che sostiene che l’anima si lega ad un solo corpo. Questa interpretazione delle scritture è considerata eretica dall’Impero a causa del programma di clonazione della Dinastia Genetica.

Demerzel è l’enigmatico “robot intelligente” e fedele aiutante dell’Imperatore della Galassia. Paziente e vigile, Demerzel è l’ultimo della sua specie e ha guidato la dinastia Cleon per secoli.

Demerzel serve come aiutante e consigliere dei Cleon regnanti dell’Impero Galattico. Era aiutante di Cleon I, il primo imperatore della Dinastia Genetica, ed era fieramente fedele a lui e all’Impero. Demerzel supervisiona la gestazione e le nascite dei cloni, e ha assunto un ruolo simile a quello di un guardiano e mentore dei Cleon allo stato di Fratello Alba.[3] Tra gli altri compiti di Demerzel c’e quello di assistere Fratello Tramonto con la loro ascensione (eutanasia) quando viene il momento prescritto dal protocollo. Demerzel è una devota luminista, e intorno al 1.102 Era Imperiale (quindi millenni prima della dinastia Cleon) ebbe l’opportunità di percorrere La Spirale sulla Luna Maiden (Fanciulla/Vergine), raggiungendo il Grembo della Madre.

Trama Episodi 6-8

(guardare VI, 3.05-10.04, 43.19-48.15)

(guardare VII, 7.53-13.48, 20.40-22.22)

(guardare VIII, 9.33-16.07, 17.40-19.07, 28.22-36.15, 40.47-47.55, 51.39-55.05)

In seguito alla morte di Proxima Opal, l’imperatore Cleon XIII si reca personalmente su Maiden per il suo funerale.

Maiden (Fanciulla/Vergine) è il nome della luna di Dol che porta il nome di una delle tre deee della religione luminista. La Fanciulla è una delle tre lune di Dol. È l’unica luna abitabile; le altre sono luce sono Mother (Madre) e Crone (la Vecchia). È un mondo piuttosto secco, arido e inospitale.[1]

Il mondo è dominato dalle miniere di sale che producono cristalli di leviatano, il simbolo del Luminismo, una religione diffusa nell’impero galattico che contanda svariati trilioni di adepti.
È la sede della Proxima, il capo della religione luminista.

Cleon XIII vuole scongiurare la possibile elezione di Zephyr Halima come Proxima (capo della religione luminista), che cercherebbe di tornare all’Octavo Primario, minacciando così la stabilità dell’Impero. Questa occasione segna la prima volta che un imperatore lascia Trantor dai tempi di Cleone I.

Dopo la morte di Proxima Opal, Demerzel accompagna Cleon XIII su Maiden, dove lo informa sui principi e sull’attuale struttura religiosa del Luminismo. L’Imperatore nota che Demerzel era lei stessa una Luminista, cosa che lei conferma, notando che se, nonostante la sua natura robotica sia codificata per la massima fedeltà all’impero, i suoi istinti possono comunque credere ancora in qualcosa di più grande di lei.

Sebbene sostenga gli sforzi dell’Imperatore per installare Zephyr Gilat, che avrebbe continuato ad invocare il Nuovo Octavo, che non predicava contro i cloni, non può fare a meno di inchinarsi quando Zephyr Halima, che desiderava invocare l’Octavo Primario, tiene un discorso entusiasta al funerale di Opal, che rivela il suo disgusto per l’Impero.

Fratello Giorno completa la Spirale, un viaggio tortuoso verso una sorgente d’acqua posta in una grotta nel deserto (il grembo della Madre). Durante il viaggio incontra un compagno che lo illumina sui misteri della Spirale e del suo mondo natale.

Di fronte al consiglio delle Zefiro egli afferma, ma con inganno, di aver ricevuto la visione di un fiore sacro dalla triplice dea del Luminismo. Le Zefiro interpretano la visione di Fratello Giorno come una dichiarazione divina che egli ha un’anima, rendendo qualsiasi ulteriore critica alla clonazione imperiale da parte di un luminista come un sacrilegio e garantendo anche l’elevazione di Zefiro Gilat a Proxima.

Fratello Giorno suggella la sua vittoria ordinando al suo robot maggiordomo, Eto Demerzel, di assassinare di nascosto Halima. Demerzel pur da devota Luminista, che rispetta Halima, è molto angosciata dal comando, ma è costretta ad obbedire dalla sua programmazione.

Mentre lasciano il luogo, Fratello Giorno riflette sulla sua esperienza nella grotta, rivelando di non avere avuto alcuna visione, e una Demerzel in lacrime gli segnala che è consapevole dell’inganno e disapprova, descrivendo come la peggiore delle condizioni quella di colui che non avendo avuto la visione, mostra a sé stesso non solo di non essere stato benedetto dalle tre Dee, ma anche di non possedere un’anima.